L’azienda GUGLIELMI ha appena ultimato la costruzione di un nuovo frantoio.

La struttura è ubicata in una nuova area, fuori dal centro abitato, di 21.000 mq, di cui 10.000 dedicati alla produzione.

La realizzazione, grazie a numerosi accorgimenti tecnici, è stata concepita con ricercati criteri ecologici, vanta i più alti standard tecnologici ed è totalmente automatizzata.

L’opificio infatti, è stato reso autosufficiente, grazie all’impianto fotovoltaico di 65Kw, che permette di sfruttare l’energia solare, senza emissioni di CO2. Inoltre nella trasformazione, si utilizza una caldaia che sfrutta i sottoprodotti della lavorazione, quale il nocciolino, riducendo ulteriormente consumi di energia non rinnovabile.

La filosofia di adottare tali principi di sostenibilità energetica ed ambientale, portano l’azienda GUGLIELMI in un’ottica di economia verde.

Il nuovo opificio è unico nel suo genere: usa tecniche di estrazione innovative, garantendo standard qualitativi elevati, controllo e monitoraggio di ogni fase di trasformazione e di stoccaggio (grazie alla conservazione sotto azoto). 

Il sistema di estrazione dell'olio è quello a ciclo continuo in maniera che il frutto, delicatamente pressato, garantisce un prodotto speciale per le sue caratteristiche chimico-fisiche ed organolettiche, dando vita ad un un olio dal profumo e dal sapore unico.  La molitura, avviene entro 24 ore dalla raccolta con estrazione rigorosamente a freddo, con temperature che non superano la soglia dei 27°C. Lo stoccaggio avviene in serbatoi solo di acciaio inox a temperatura controllata che garantiscono una perfetta conservazione del prodotto.

Inoltre l’impianto di azoto presente rende inerti i serbatoi, l'azoto per uso alimentare viene immesso nello "spazio di testa" lasciato libero dall'olio man mano che il contenitore si svuota. Tali gas inerti vanno così ad occupare quello spazio che verrebbe altrimenti occupato dall'aria e dall'ossigeno, che preserva nei mesi le specificità qualitative ed organolettiche.